CBD THC

THC e CBD: quali sono le differenze tra loro

CBD e THC sono entrambi cannabinoidi derivati dalla pianta di cannabis, ma sono diversi in diversi modi che possono influenzare il vostro prossimo acquisto. Vediamo la differenza tra THC e CBD.

CBD ( Cannabidiolo) e THC ( Tetraidrocannabinolo) sono due cannabinoidi derivati da piante di canapa, in Latino “cannabis”. Sono ben conosciuti perché sono i due principali cannabinoidi più presenti nella pianta, per cui possono essere facilmente estratti per l’uso.

Ci sono più di 144 cannabinoidi: THC, CBD, CBD, CBC, CBN, CBG, CBG, etc…. Tutti interagiscono con il sistema endo-cannabinoide umano: un insieme di recettori posti in tutto il nostro corpo.

Differenza tra THC e CBD

Gli scienziati di tutto il mondo ne stanno studiando e analizzando sempre di più, poiché il loro uso per il benessere medico è aumentato in modo significativo. È importante notare la differenza tra questi due cannabinoidi perché ne definiscono notevolmente l’uso.

Il THC è il cannabinoide più ricercato e usato dai consumatori di cannabis da svago, in quanto altera la percezione e la coscienza. E’ anche molto interessante per il suo contributo medico.

Il cannabidiolo è il secondo cannabinoide più comune nelle piante di canapa. A differenza di suo cugino THC, non ha alcun effetto psicotropo: può quindi essere utilizzato in qualsiasi momento della giornata, senza mai cambiare coscienza e percezione.

THC vs CBD: entrambi hanno usi diversi

Il THC è utilizzato per molte patologie nei vari farmaci del mondo che ne hanno autorizzato la disponibilità: appetito, dolore, sonno, ecc.

Cannabidiolo è ufficialmente prescritto dalla farmacopea su prescrizione medica per il suo uso nell’epilessia e nella sclerosi multipla. Tuttavia, numerosi studi scientifici e riscontri d’uso ci permettono di proporre diversi altri contributi: sonno, stress, ansia, osteoartrite, infiammazione, psoriasi, eczema, ecc.

Effetti collaterali

Il THC è un cannabinoide che provoca effetti collaterali psicotropi: è quindi vietato nella maggior parte dei paesi per uso ricreativo e gratuito. Tuttavia, è tollerata in alcuni paesi che hanno legalizzato la cannabis ricreativa.

Per il suo uso medico, è indicato su prescrizione medica in alcuni farmaci in tutto il mondo, ma anche in Italia per la sua azione contro la sclerosi multipla.

Il cannabidiolo non provoca effetti collaterali psicotropi: è quindi perfettamente legale nella maggior parte dei paesi, purché non contenga tracce di THC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vicino
registrati
Vicino
Carrello (0)

Nessun prodotto nel carrello. Nessun prodotto nel carrello.



linguaggio